La pizza napoletana

Origine della pizza

La pizza è un piatto di origine italiana costituito da una pasta di pane spalmabile e da un coulis di pomodoro, ricoperto di vari ingredienti e cotto (legno, gas o elettrico). La pizza è uno dei piatti della cucina italiana che si è insediata quasi ovunque nel mondo, spesso adattandosi ai gusti locali.

Secondo Alain Rey, la parola "pizza" è "originariamente attestata nel senso di" fouace "," lastra ", dal 997 in latino medievale, dal 1535 in Napoletano e dal 1549 in italiano fiorentino, specializzandosi nel suo significato attuale dal 1570. L'etimologia esatta della parola è difficile da determinare e ci sono diverse teorie su di esso: l'origine potrebbe essere l'alto tedesco "Bizzo", "pezzo di pane", o il greco "Pitta", "Fouace".

Negli anni 1850, la bottega del Pizzajolo-che sarà definita come una pizzeria qualche decennio più tardi a lessicografia-diventa luogo di socializzazione come descritto da Francesco de Bourcard nell'usi e costumi di Napoli. Nel 1847, l'opera di Emanuele Bidèra passegiata per Napoli e contorni descrive anche la bottega del Pizzajuolo con pizze ornate di mozzarella (OVA bianchissime nel testo) e pomodori (OVA rosse) e piccoli pesci.

Nel giugno del 1889, lo Chef Raffaele Esposito, dell'illustre pizzeria della salita Sant'Anna di Palazzo, conosciuto oggi come "Pizzeria Brandi", decide di battezzare "Margherita" una pizza a base di mozzarella, basilico fresco e pomodori (i colori della bandiera italiana: Verde, bianco e rosso), in onore della Regina Margherita che è venuta a Napoli in occasione dell'inaugurazione dell'opera del risanamento. Apprezzando una specialità locale notoriamente plebea, a suo modo, la Regina ha rafforzato i legami tra il Regno d'Italia e il popolo napoletano: e la pizza è diventata, così, ancora più popolare tra gli italiani.

Dal 2008, la pizza napoletana (da non confondere con la varietà con acciughe, chiamata in Francia "pizza napoletana", a Napoli "pizza romana" e altrove in Italia "pizza napoletana" o "Pizza Napoli") è una "specialità tradizionale garantita" (specialità Tradizionale garantita).

Metodo di base

 

  • Preparazione dell'impasto: acqua, sale, farina di frumento tipo 00 (corrispondente denominazione italiana in Francia al T55), lievito. Mescoliamo, forma le sfere grandi quanto il pugno e lascio sedersi alla temperatura ambiente tre-quattro ore di minimo.
  • Preparazione della pizza: ogni pallina si stende preferibilmente a mano (come il rullo schiaccia le bolle d'aria nell'impasto) su cui sono collocati gli ingredienti;
  • Cottura: in un forno a legna circa 1 minuto tempo di cottura a 400 °.
naples

Nella seconda metà del XIX secolo, medici igienisti come Enrico De Renzi, Achille Spatuzzi, Luigi somma… che sono interessati alla dieta del popolo napoletano minuto – classificano la pizza come uno dei "cibi dei poveri" (Enza dei poveri). Nel 1884, Matilde Serao scrisse: "la pizza entra nella grande categoria di commestibili che costano un centesimo" e con la quale è costituito il pranzo o la cena della stragrande maggioranza del popolo napoletano. E, è davvero il suo carattere popolare (semplicità di preparazione, qualità del gusto e basso costo) che ha permesso lo sviluppo di un fenomeno che potrebbe radicare e crescere solo in una città con una densità di popolazione elevata e la cui gente sofferto di precarietà estrema.

Nel 1789, Ferdinando Gallieni in un'opera postuma, definisce la pizza come nome generico di tutte le forme di torte, focaccia e schiacciata, e per distinguerle, elenca la principale: pizza fritta, pizza a lo Furno co' arecheta, pizza Rognosa, pizza stracciata, pizza di cicoli, pizza Doce, pizza di ricotta. Nel 1797, padre Francesco d'Alberti di Villanova pubblicò a Lucca un dizionario universale critico della lingua italiana dove si specifica solo il termine "focaccia", e in una seconda edizione del 1804 appare la parola pizza definita come una sorta di Mets o una sorta di Focaccia.

Pizzeria Guillaume Grasso
Réservation
close slider

Réserver votre table

« Afin de préserver la qualité de la pâte, nous ne pouvons produire de grandes quantités, aussi est-il impératif de réserver 2-3 jours à l’avance pour le déjeuner et le dîner.

Nous vous informons que pour toutes les réservations (1er ou 2ème service), passé un quart d’heure de retard et sans nouvelle du client, la table sera donnée à quelqu’un d’autre. »

Le restaurant est fermé le dimanche